Consigli degli editor

Se il cuore è troppo caldo

22 maggio 2018
| di
Lorenzo Fazio, Direttore editoriale Chiarelettere
Le emozioni e la scrittura: come trovare il giusto equilibrio quando si scrive un romanzo

Mi è capitato in passato di curare un corso di scrittura con Sebastiano Vassalli, l’autore di La chimera e altri fortunati romanzi sul carattere degli italiani. È stata un’esperienza emozionante e unica. Avevamo dato alcuni temi che i partecipanti al corso avrebbero dovuto sviluppare in due pagine di racconto.

A turno dovevano leggere ad alta voce le loro opere e io dovevo dare lì per lì il mio giudizio e offrirgli i miei consigli. Non era facile, ogni tanto Vassalli interveniva a integrazione dei miei interventi.

Ricordo questa esperienza perché ho ancora dentro l’emozione di trovarmi con tante persone ciascuna con capacità diverse e tutte pronte a mettersi in gioco di fronte agli altri.

I consigli di scrittura a poco a poco diventavano un terreno su cui provare a misurare il perimetro della propria vita, le parole messe sulla pagina e quelle aggiunte a voce a poco a poco formavano un’unica storia che prendeva respiro e diventava racconto. Il racconto di noi che eravamo lì tutti insieme e che in modi diversi cercavamo di conoscerci e di trovare un terreno comune di confronto. Stavamo scrivendo insieme dei brani della nostra storia.

L’ultima parola a Vassalli. L’ultimo giorno. Fu perentorio e inaspettato. Disse “Siete stati molto bravi, avete fatto tutti un lavoro egregio, anche tu Lorenzo, però adesso buttate via tutto. E ricominciate daccapo. Avete dato fiato alle vostre emozioni, bene. Adesso dovete costruire una narrazione e per farlo dovete raffreddare i vostri cuori, prendere le distanze da quello che avete vissuto e provare a proiettarvi in un’altra dimensione, tutta da inventare, anche se vorrete raccontare la vostra storia. Altrimenti non riuscirete mai a scrivere un libro. Con l’animo in subbuglio e il cuore caldo non andrete da nessuna parte”.

Le parole di Vassalli non ammettevano repliche e naturalmente raffreddarono il clima empatico che si era creato, ma servirono a tutti per capire con quale atteggiamento mentale e disposizione d’animo ricominciare a lavorare.

Come dire: la letteratura racconta i sentimenti ma chi scrive non può subirli. Solo dopo averli allontanati e lasciati depositare, essi possono diventare gli ingredienti e il motore di una storia.

Grazie Sebastiano.

Leggi tutto

Libri utili

Scarica gli ebook gratuiti di IoScrittore.

Tanti consigli per migliorare e rendere efficace il tuo romanzo fin dalla prima pagina.

Scarica l'ebook
Scrivere un libro che conquista fin dalla prima pagina: Le strategie di grandi autori bestseller.
Scarica l'ebook