Articoli

Come si costruisce il perfetto thriller storico?

14 aprile 2014
| di
Redazione IoScrittore
I 5 punti dell'autore di "L'assassinio di Pitagora", il caso del self publishing del 2013
Marcos Chicot per 37 anni ha condotto la classica vita da manager d’azienda di successo. Fin da piccolo, però, ha coltivato una profonda passione per la scrittura e la matematica. Quando, il 21 agosto 2009, nasce la prima figlia Lucía affetta dalla sindrome di Down, Marcos decide di lasciare il lavoro d’ufficio e di dedicarsi completamente alla famiglia e alla sua passione. Il suo obiettivo è diventare uno scrittore di fama mondiale. Lui lo ha raggiunto e ci ha dato delle dritte preziose per chi vuole “fare centro” con un proprio romanzo inedito.
 
L’assassinio di Pitagora è stato il caso del self publishing del 2013. Pubblicato in un primo momento in edizione digitale, in spagnolo, su amazon.es, il thriller che ha come protagonista uno dei più famosi matematici della storia è stato per 5 mesi al primo posto assoluto della classifica.
 
Marcos Chicot ha venduto oltre 50.000 ebook, un numero incredibile per il mercato digitale con rari precedenti. Contattato e pubblicato poi da una casa editrice, ha raggiunto il pieno successo sul mercato editoriale con le ben più consistenti vendite in libreria. 
In breve tempo L’assassinio di Pitagora diventa un fenomeno del passaparola e presto verrà tradotto in 10 paesi (in Italia uscirà per Salani).

Il libro è appena uscito in Italia. Leggi qui le prime pagine in anteprima >>

 
Il romanzo di Chicot è un thriller storico che ci trasporta nella culla della civiltà europea tra intrighi e passioni. Fra i suoi estimatori anche Ildefonso Falcones, che ha dichiarato: «Un thriller appassionante, una magnifica ambientazione storica, originale e ben documentata: Marcos Chicot un autentico talento». 
Le oltre 1000 valutazioni online hanno una media di 4,8 stelle su 5, il commento più frequente è «non si riesce a metterlo giù».
Per questo gli abbiamo chiesto quale sia il suo segreto? Come si costruisce il perfetto thriller storico, un libro ben scritto come L’assassinio di Pitagora?
Ecco i cinque consigli di Marcos Chicot:
 

1 – Immergiti nel periodo storico che hai scelto

Per rendere realistica l’ambientazione di un thriller storico è indispensabile studiare a fondo il periodo in cui si muovono i personaggi, capire il loro modo di pensare, le loro abitudini, le necessità e i problemi di tutti i giorni. 

Per vivere pienamente il tempo di Pitagora, ho acquistato una tetradracma (moneta equivalente a 150-200 euro o dollari di oggi) che tenevo in mano prima di scrivere una scena per sentirla più intensamente. Si tratta di una moneta d’argento molto spessa (circa mezzo pollice) e pesante (circa 17 grammi) che raffigura da un lato la dea Atena e dall’altro una civetta, simbolo di saggezza, un ramo d’ulivo, una luna crescente e le prime lettere del nome della città di Atene.  

 
Avere fra le mani qualcosa che proviene da quel periodo mi riempie di emozione. È davvero affascinante pensare che un oggetto così piccolo sia stato maneggiato da tanti uomini e donne, arrivando quasi intatto fino a me. Non pensate?
 

2 – Sii il più fedele possibile alle fonti 

Anche se le fonti sul conto di Pitagora e il periodo storico in cui ha vissuto sono scarse, a volte contraddittorie o poco attendibili, ho sempre cercato di essere il più fedele possibile agli episodi storici. In certi casi ho dovuto decidere quale fonte scegliere tra le varie e incompatibili fra loro, in altre ho dovuto ricorrere all’inventiva per rimettere insieme fatti irrimediabilmente perduti nella notte dei tempi.
Il mio intento è sempre stato quello di scrivere un romanzo veritiero per quanto possibile e verosimile per il resto. Al tempo stesso, ho cercato di offrire un romanzo divertente. Per questo mi sono permesso di introdurre alcuni personaggi e fatti che sono frutto soltanto della mia immaginazione.
 

3 – Costruisci una scheda per ciascun personaggio

Per scrivere L’assassinio di Pitagora ho redatto una scheda dedicata a ognuno dei personaggi principali. Essendo laureato in Psicologia Clinica, oltre alle informazioni classiche ho pensato di inserire in questa descrizione anche tratti caratteriali ed emotivi (ad esempio livello di intelligenza, impulsività, etc). Questo mi ha aiutato a mantenere la coerenza nel romanzo.
 

4 – Non perdere mai l’orientamento

Dovendo progettare i movimenti degli eserciti e i vari percorsi di alcuni personaggi, ho trovato molto utile studiare i territori su Google Earth. Mentre descrivevo un inseguimento, potevo controllare l’altezza o la distanza tra due colline, zoomare sulle foto satellitari fino a sentirmi veramente lì. In un certo senso mi sembrava di avere poteri magici! 
Ho preparato inoltre due mappe che trovate nelle prime pagine del libro (una sulla Magna Grecia e l’altra sul Mediterraneo nel 510 a.C.), che mi hanno aiutato ad avere un più preciso sguardo d’insieme. 


 

Per gli ambienti più piccoli, invece, come la comunità pitagorica o il palazzo di Glauco, ho preparato degli schemi più “casalinghi” che non ho inserito nel romanzo. Qui ne vedete uno in esclusiva (il palazzo di Glauco).

 

5 – Studia dai maestri

Dopo essermi ritirato dal lavoro ho dedicato tre anni a documentarmi sulla Magna Grecia, a perfezionare il mio stile, ma anche a studiare le tecniche narrative di alcuni dei più grandi autori del genere, come Dan Brown o Ken Follett. 
Da loro ho imparato a non perdere mai di vista i dettagli. Anche quelli che sembrano più insignificanti possono essere la chiave di un enigma.
 
Spero che L’assassinio di Pitagora possa essere per voi una guida come le mie letture lo sono state per me. 

Inizia subito a leggere in anteprima le prime pagine di L’assassinio di Pitagora di Marcos Chicot >>

Leggi tutto

Libri utili

Scarica gli ebook gratuiti di IoScrittore.

Tanti consigli per migliorare e rendere efficace il tuo romanzo fin dalla prima pagina.

Scarica l'ebook
Scrivere un libro che conquista fin dalla prima pagina: Le strategie di grandi autori bestseller.
Scarica l'ebook