Articoli

Lo sguardo di Giacometta

2 luglio 2012
| di
Bruno Elpis
Bruno Elpis di i-Libri recensisce "Lo sguardo di Giacometta" di Liliana Panzarani Piersanti, edito da IoScrittore
La storia di Giacometta, ambientata agli inizi del novecento, viene raccontata dall’autrice con una tecnica interessante, su diversi piani narrativi.
Perché Giacometta si trova sul letto di morte, vittima dell’influenza spagnola che ha fatto più vittime della prima grande guerra. E, come vuole il detto, un uomo (o una donna, nel nostro caso) “sul letto di morte rivede l’intera sua vita”. Il romanzo alterna le descrizioni oggettive dell’agonia della donna in ospedale, la rappresentazione delirante di un processo in un tribunale ove sfilano i personaggi della sua vita, i fatti nei quali la sua vita si è svolta.
A partire da un’infanzia di orfana, durante la quale ha conosciuto soltanto l’affetto di un cane, per passare poi al servizio di un prete, don Cellone, nella cui canonica la ragazza impara a scrivere. E via via, in un crescendo di esperienze lavorative … Dopo una fase trascorsa in una casa ove il marito fedifrago è impegnato nell’arte di avvelenare la moglie, la giovane conosce nella dimora di un avvocato le teorie socialiste grazie al signorino Antonio, che collabora con un giornale. E qui Giacometta comincia a temprare una personalità critica e a sviluppare i primi interessi culturali, che potrà coltivare agevolmente quando viene ingaggiata nella “Casa Fabiani di Sant’Erasmo” come aiuto dello chef, il signor Giovanni, che diverrà suo mentore e verrà da lei sostituito presso i conti padroni di casa Fabiani.
Lo stile di Liliana Panzarani Piersanti è elegante, ricco, mai scontato. Completamente adeguato all’eleganza con la quale la domestica protagonista, grazie alle proprie capacità, si trasforma da brutto anatroccolo in cigno, elevando la propria personalità con l’ausilio della cultura.

La vita di Giacometta scorre parallela alla storia: attraverso i primi movimenti egualitari di inizio secolo, il suffragio universale, il pacifismo e il non interventismo quando scoppia la prima guerra mondiale.

L’ascesa spirituale della donna avviene attraverso la lettura dei classici, l’Utopia di Tommaso Moro, la scoperta della musica vera grazie a “Le nozze di figaro” di Mozart: “L’ascolta e dimentica di seguire la trama dell’opera; si scorda perfino di suo marito, che avrebbe voluto impedirle di provare una gioia così pura, così poco egoistica. Questa musica evoca la felicità perduta di cui ogni essere umano prova la nostalgia e conforta al tempo stesso …
Ma sono soprattutto la grazia intrinseca e la dignità umana gli elementi che in Giacometta propiziano il suo successo esistenziale, nonostante le premesse sfavorevoli e un matrimonio sfortunato.
Inevitabile, per me, il raffronto con un’opera che ho particolarmente amato: “L’eleganza del riccio” di MurielBbarbery, un altro romanzo che, come “Lo sguardo di Giacometta”, ha affascinato … Bruno Elpis.

Su i-Libri puoi leggere l’intervista di Bruno Elpis all’autrice Liliana Panzarani Piersanti. 

Leggi tutto

Libri utili

Scarica gli ebook gratuiti di IoScrittore.

Tanti consigli per migliorare e rendere efficace il tuo romanzo fin dalla prima pagina.

Scarica l'ebook
Scrivere un libro che conquista fin dalla prima pagina: Le strategie di grandi autori bestseller.
Scarica l'ebook