La bambina senza cuore e Ophelia e le officine del tempo. Favole gotiche e atmosfere steampunk per Emanuela Valentini

Condividi su

Sullo sfondo macchine volanti, locali bohémiens, ma anche tematiche sociali come la questione femminile del primo Novecento

20 marzo 2013 - Pubblicato da booksblog.it
Figli di due concorsi del 2012 - contest i-Fantasy di Fazi e torneo IoScrittore di GeMS - i romanzi La bambina senza cuore e Ophelia e le officine del tempo, dell’esordiente Emanuela Valentini, sono entrambi in uscita, per ora digitale, a marzo.

Pubblicato da Speechless Books, nuovo contenitore editoriale della ricca e graficamente accattivante rivista letteraria online Speechless, La bambina senza cuore è una favola gotica di cupe maledizioni familiari dalle atmosfere decadenti e oniriche. I protagonisti sono Lola, una bambina che si risveglia, dopo essere stata uccisa nel 1890, con una grande ferita sul petto, e Nathan, un ragazzo che la incontra 100 anni dopo.

Il romanzo, fa sapere l’autrice, «è la visione simbolica […] di qualcuno che subisce una profonda privazione e che rimane sospeso, in balia degli eventi, sprecando la vita e il tempo che gli è stato concesso di esistere» (*).

Ma è anche «la storia di una vita che il mondo ha preferito ignorare, pur di non mettere in discussione se stesso e la sua preponderanza rispetto ai deboli e agli indifesi. Questa fiaba vuole essere il racconto di un riscatto attraverso un dramma in cui nessuno è scevro di responsabilità» (*).

La bambina senza cuore si avvale di un formato (l’epub3, sviluppato da Annalisa Guerisoli) arricchito da immagini e suoni (illustrazioni di Giampiero Wallnofer, grafica di Petra Zari, voce di Cristina Caparrelli).

Ophelia e le officine del tempo, invece, è un romanzo fantastorico, dalle atmosfere steampunk, che si ambienta nella Londra grigia e decadente del primo dopoguerra. Racconta la storia di Ophelia, una giovane donna che lavora in un’impresa aeronavale e che spera di diventare aeronauta.

Ophelia si troverà a indagare sul suicidio sospetto del suo capo e verrà coinvolta in una vicenda che vedrà, grazie a un’invenzione (fanta)scientifica, un uomo senza scrupoli vendere il tempo ai ricchi dei quartieri eleganti, che impazziscono, sottraendolo ai poveri, ai bambini del ghetto, che muoiono.

L’indagine porterà la ragazza verso l’amore e le consentirà di scoprire verità importanti sul suo passato. Sullo sfondo macchine volanti, locali bohémiens, ma anche tematiche sociali come la questione femminile del primo Novecento, il trasferimento dalle campagne alle città, lo sfruttamento infantile.
EFFETTUA IL LOGIN:
Partecipa alla discussione
emanuela v
codice utente 36760
Commento #1
27/3/2013
Grazie! Sono così felice di essere qui. Il torneo mi manca, alla fine entra a far parte della quotidianità del partecipante in ogni suo aspetto: pratico, psicologico, emotivo. Ma adesso ho tante cose a cui pensare... comunque ricordo l'esperienza del torneo come una delle più assurde e affascinanti situazioni mai vissute! Un percorso irto di ostacoli e soddisfazioni inaspettate. buon torneo a tutti! Vivetelo come se fosse un'arena, con ardore, correttezza, coraggio. E sarete premiati, comunque vada.
Newsletter
Ricevi aggiornamenti sul torneo e consigli di scrittura da IoScrittore