Se l’hai scritto va valutato!

IoScrittore è l’unico torneo letterario italiano gratuito
promosso da un grande Gruppo Editoriale e dai suoi editor
con il patrocinio del MIBACT

Dal Salone del libro, e non solo

15 maggio 2012 | di Redazione IoScrittore.
Cari partecipanti,
nel condividere con voi la notizia relativa all’esordio di Valentina D’Urbano, cogliamo l’occasione per informarvi che altre due opere finaliste dell’edizione dello scorso anno, già uscite in ebook con marchio IoScrittore, sono state opzionate da due case editrici del Gruppo editoriale Mauri Spagnol per l’edizione cartacea. Si tratta di Interno 11 di Angela Rosa e I bambini guardano muti le giostre dei grandi di Giuseppe Marotta. 

Con la fine del torneo infatti non smettiamo di leggere e la redazione di IoScrittore condivide con gli autori finalisti l’editing delle loro opere: lo testimoniano gli stessi autori attraverso le loro voci che abbiamo pubblicato sul sito. A partire dal lavoro fatto con gli autori, anche sulla base dei giudizi dei partecipanti, le opere sono migliorate permettendo ad alcune di queste di essere opzionate per l’edizione cartacea anche dopo la pubblicazione dell’ebook. Il torneo oltre che operazione di scouting di opere inedite vuole infatti dare la possibilità agli autori finalisti di entrare in contatto con una vera redazione che, dall’editing alla scelta definitiva del titolo fino alla veste grafica, lavora per presentare al meglio le vostre storie. Tenete dunque presente che arrivare tra i trenta ebook può essere l’anticamera di una pubblicazione su carta anche se non si viene opzionati da subito. Anche gli altri editori italiani tengono d’occhio gli ebook di IoScrittore, come è accaduto a Giuliano Pasini che ha cominciato una vera e propria carriera di scrittore.

Nei mesi scorsi inoltre alcuni ebook finalisti sono entrati nelle classifiche di vendita nei principali store online accanto ad acclamati autori di bestseller. Lo consideriamo un ottimo risultato per i nostri esordienti. Grande anche la nostra soddisfazione al Salone del libro appena concluso dove abbiamo presentato tre opere delle due edizioni passate: oltre a Il rumore dei tuoi passi di Valentina d’Urbano, Un giorno arriverò di Silvana Mossano (Salani) e La viaggiatrice di O. di Elena Cabiati (Nord).

Insomma ci crediamo così tanto che ogni pretesto è buono per parlare di IoScrittore (video intervista a Stefano Mauri). 

Ci apprestiamo a inviare la lettera di accordo ai 200 semifinalisti e se ci saranno dei rinunciatari coinvolgeremo nella seconda fase qualche nuovo autore. Attenzione quindi: qualcuno di voi potrebbe quindi essere ripescato! Inviteremo infine chi non ha passato la prima fase a partecipare come lettore.

Il tutto per dare il via l’11 giugno alla seconda fase che ci traghetterà come ogni anno a Mantova all’interno del Festivaletteratura per la fase finale.

Ancora una volta grazie a tutti voi per la passione e l’entusiasmo.
Lo Staff di IoScrittore 
Per partecipare alla discussione effettua il login . Se non sei registrato al Libraio puoi farlo qui

ATTENZIONE: leggi le regole di buon uso del blog
commenti degli utenti
Jamie Mc Gregor
codice utente 7913

Commento#285
9/6/2012
Pietro, perdonami ma quando accenni sarcasticamente all'erudizione dei cattivi giudici e al tempo stesso poni il problema della loro (mancanza di) conoscenza della legislazione sanitaria in vigore, mi fai sorridere. Perché questo è un torneo per romanzi ( a tema libero) e a nessun giudice/lettore/autore sono state richieste preliminarmente specifiche competenze in materia. Ti dirò di più, per la piccola esperienza che posso esibire avendo partecipato a tutte le tre edizioni di questo torneo: l'obiezione che tu muovi, ovvero la mancanza di competenza specifica su un determinato argomento, è esattamente quella ricorrente nei giudizi di chi ha smarrito il senso di questo torneo, che è quello di selezionare storie interessanti per la platea più vasta possibile di lettori. Si rimane male ad essere esclusi, ne sono consapevole per esperienza diretta perché mi accadde nella prima edizione, ma se non si metabolizza in fretta la sconfitta si perde due volte perché le critiche ricevute, anche le più malevole, dal tuo romanzo rappresentano una risorsa per riflettere e migliorare. Perciò non andare in cerca di una nuova giuria più competente, cerca piuttosto, qui dentro o altrove, la rete è infinita, lo scambio con chi, come te, ama la scrittura. Auguri!

Boncy
codice utente 7274

Commento#284
7/6/2012
consolati, pietro. a me hanno fatto notare perfino gli spazi doppi! forse loro sn tanto bravi che non sbagliano mai.

Pietro Mondì
codice utente 37624

Commento#283
7/6/2012
Continuano gli errori, sempre rivisti a freddo. In quest'ultimo commento, ci sono omissioni di virgole: "credete, che non sappia..... ". Sempre nel testo, ci sono virgole in più: la virgola dopoo toni. Troppa saccenza, che può essere sinonimo d'ignoranza, in taluni commentatori. Per favore usate una giuria esterna.

Pietro Mondì
codice utente 37624

Commento#282
7/6/2012
Vedete, anche in questo commento, rileggendolo a freddo, ci sono errori, frasi prolisse, frasi di non diretta comprenzione.Ho usato il termine "correggi bozze invece, che quello di "correttore di bozze". Credete che non sappia che offeso,si scrive con una sola s? Un evidente errore di battitura! Credete che non sappia, che toni, non si coniuga con offensive, che è al femminile e che la corretta espressione, è: toni offensivi? Sono errori che scappano, quando scrivere, non è una difesa del proprio Io paranoico, ma una sensazione di piacevolezza, per se stesso, prima che per gli altri.

Pietro Mondì
codice utente 37624

Commento#281
7/6/2012
Sono uno dei partecipanti esclusii ed ho letto i "lusinghieri" commenti.Ringrazio tutti questi "Dotti, Medici e Sapienti", tutti questi eruditi, che già "in pectore" si sentono dei Camilleri, dei Moravi, dei, meglio dire degli Sciascia, altrimenti i vieni preso per ignorante . Ringrazio i pochissimi che hanno formulato giudizi sinceri, positivi o meno. Non posso sentirmi offesso dalla troppa ostentata saccenza ed erudizione di taluni, che sconfinano nell'offesa vera e propria. I personaggi sono reali, come, non caricaturati, reale e vissuta e la storia. Qualcuno di questi è un medico pubblico? Da quello che ho letto, penso di no. I fogli appiccicati col cerotto, purtroppo sono una realtà della sanità del Sud (Solo del Sud?) ed il Direttore della Direzione Sanitaria, significa il Direttore della Direzione Sanitaria Aziendale dell'ASL, non quello del Presidio Ospedaliero. Per commentare un libro che tratta di Sanità, bisognerebbe conoscere la Sanità, con tutte le sue leggi, la sua burocrazia. Qualcuno di questi saccenti sa come viene nominato un direttore di Struttura Complessa (leggesi: Primario)? Quanti di questi criticoni, conoscono il DPR 502/92? Il Decreto 474 del 97? Il Decreto 229/99? Non si può criticare un libro che parla di Sanità, senza conoscere la Sanità Pubblica in Italia , che si pottrebbe definire: "Nave senza nocchiero in gran tempesta", come disse il Poeta.Sullo stile narrativo non metto lingua, nemmeno sugli errori grammaticali, troppo pesantemente criticati, fino a raggiungere il culmine del cattivo gusto e dell'offesa. Qualcuno di questi saccenti, conosce il "correggi bozze"? Probabilmente no, perchè non sono degli scrittori. Non parteciperò più al concorso, almeno che la giuria non sia esterna. Veri scrittori! Gente che conosce il mestiere e sopratutto, fuori dalla competizione. Certe critiche che possono giungere da Camilleri, che sono sicuro non userebbe toni così offensive, si accettano.Le critiche dell'impiegato del catasto o del docente di letteratura italiana dell'Istituto Professionale, col sogno nel cassetto di diventare scrittore,no! L'interesse a disprezzare la produzione altrui è intrinseco alle modalità del concorso. Critico pesantemente gli altri per dare spazio alle mie opere. Certamente non tutti si comporteranno così, ma una parte credo di si.

manuela
codice utente 9106

Commento#280
28/5/2012
X tommy: io ho avuto un incipit dove c'erano ben due convegni di cui uno scientifico.

Jamie Mc Gregor
codice utente 7913

Commento#279
28/5/2012
Ciao Boncy e ciao blog. Il primo anno del torneo, pur con un 10, due 8 e tre sette, non riuscii a passare. Fra i miei voti c'erano anche ben 3 giudizi non espressi. Il secondo anno, l'anno scorso, passai fra i duecento e di giudizi mancanti ne ebbi per fortuna soltanto uno. Quest'anno ho ricevuto tutti e quindici i giudizi, devo dire molto positivi, e sono di nuovo fra i selezionati. E' chiaro che uno o più giudizi mancanti possono influenzare ( in negativo o in positivo) la nostra media. Gems a questo bug del torneo dovrebbe metterci una pezza, lo vado ripetendo, e non solo io, fin dal 2010. Anche perchè il premio di consolazione, chiamiamolo così, per gli esclusi è costituito proprio da quei quindici giudizi di perfetti estranei che hanno letto il nostro incipit. Non dovrebbe essere un gran problema dare a tutti 15 giudizi. Basterebbe allertare, verso la scadenza di maggio fra tutte le case editrici del gruppo un panel di 15, 20 lettori professionisti ( che possono leggere e valutare, a testa, anche 20 o 30 incipit al giorno)

Boncy
codice utente 7274

Commento#278
28/5/2012
la tua media è cmq calcolata in base ai 14 giudizi ricevuti ma è chiaro che piu persone esprimono un giudizio e più materiale hai su cui poter riflettere, in un caso o nell altro.

Boncy
codice utente 7274

Commento#277
28/5/2012
tommy, ti rispondo io che facciamo prima che se aspetti gems, stai fresco! ;P sì, se non dai giudizi sei fuori, devi giudicare TUTTE le opere che hai ricevuto. anche a me sono arrivati 13 giudizi invece di 15, scontato osservare che se i due mancanti fossero stati buoni sarei passata grazie ad una media decisamente piu alta ma cosi va la vita.

tommy
codice utente 42228

Commento#276
28/5/2012
xGEMS. Ho ricevuto quindici incipit e mandato quindici giudizi. Per il mio incipit, me ne sono arrivati quattordici. Che è successo? La mancata espressione di un giudizio è motivo di esclusione? Grazie per l'attenzione.

tommy
codice utente 42228

Commento#275
28/5/2012
Un lettore (o lettrice) ha scritto così del mio incipit: "In quest'opera si nota anzitutto una grande confusione di personaggi divorziati che si ritrovano a un convegno scientifico...". I personaggi sono tre (grande confusione)... e poi cos'ha valutato? Il "tasso di cattolicesimo"dell'incipit? Mi permetto di scrivere che questo lettore è letterariamente un imbecille.

Cicciolino
codice utente 33034

Commento#274
26/5/2012
risposta a Commento 268: Te lo spiego in parole povere. La persona che ti ha scritto quel giudizio non sa bene l'italiano. Primo punto. Si può scrivere una cosa obbrobriosa come è la, a mio modesto parere, la brutta storia di?...Intercotidale l'avrà presa su google per scrivere cose e giudizi sulle tue 10, 15 massimo 100 righe ha iniziali dell'incipit. Purtroppo non è un giudizio utile quindi scartalo e fregatene. Non ci fai niente e non ci ricavi niente. Se vuoi dei consigli su un incipit intero . scrivimi qui e poi ci contattiamo diversamente. In bocca al lupo

Stefano Olivieri
codice utente 7913

Commento#273
24/5/2012
COMUNICAZIONE ALLO STAFF : vi ho spedito via email, in unico file formato pdf, la lettera di accordo firmata e le copie digitali dei documenti di identità (fronteretro) richiesti. Ho scelto la mail perché per problemi familiari, quando rientro dal lavoro devo restare a casa. Vi prego cortesemente di darmi un riscontro (via mail) dell'avvenuta ricezione. GRAZIE!

BLUE
codice utente 6505

Commento#272
22/5/2012
E' ARRIVATO IL CONTRATTO

BLUE
codice utente 6505

Commento#271
22/5/2012
xGEMS premetto che sono un amante dei gialli, amo di più gli scrittori europei che quelli americani, una scrittura più psicologica, studiata e con meno sangue. In questi anni di torneo ho ricevuto molti incipit del genere thriller e credo sia una lettura facile, coinvolgente e che impegna poco. La mia domanda però è questa, anche se forse risulterà ingenua o banale: non credete che la situazione italiana, europea o mondiale sia molto cambiata in questo ultimo periodo e che socialmente tutto vada a una velocità incredibile? Bene se così è, io credo che anche la scrittura e i temi trattati debbano avere uno spessore (anche se la parola non mi piace ) e un'attenzione molto più profonda rispetto a quello che ci succede intorno. Con questo voglio dire benissimo i gialli o cose leggere, accattivanti e con una maggiore capacità di vendita, ma un editore penso debba annusare l'aria che tira e riservare uno spazio ad una scrittura magari un po' più difficile all'inizio ma che poi abbia una capacità maggiore di sopravvivere ne tempo.

nonsochedire
codice utente 41662

Commento#270
21/5/2012
Help me! Qualcuno riesce a rendermi in modo comprensibile cosa voleva dirmi l'autore di questo gioudizio? Ve ne sarei grato! ..... è un racconto strano. Un intercotidale dalla trama sentimentale e dal profilo psicologico che contraddice l'epilogo, perché il racconto è la, a mio modesto parere, la brutta storia di un equivoco fattosi grande per negligenza e soprattuto per autoinduzione. ... manca del confronto tra i protagonisti, tale che il contesto può riassumersi nel paradosso di un monologo. Anche l'uso della seconda persona trae in inganno il lettore; nel senso, che non stimola la riflessione, nè il lettore partecipa alla simbiosi, mai è complice obiettivo del conflitto interiore che l'autore vorrebbe descrivere. Per esempio, è opinabile, se non risibile il riferimento alla polluzione. Facendo autocritica, può darsi che il mio completo diditeresse nei confronti dell'omosessualità abbia reso difficoltoso raggiungere la fine del racconto. Altresì, ....... non riscatta nessuno, neanche la verità di quel tormento evidenziato che si dissolverà in un nulla, l'ultimo bluff della sorte beffarda dove l'esibizionismo onanista di Stefano è scaturigine di un dilemma che resta tanto invitto quanto disilluso. Insomma, .... così com'è, non mi pare configuri la rivelazione dell'io, cioè dell'in sé sartriano, ma è puro viatico dell'inconcludenza generata dall'istinto e dalla stupidità. Per questi motivi il mio giudizio è nagativo.

bubu
codice utente 7371

Commento#269
20/5/2012
Per luna che durante la notte vaga disperata... siamo tornati sul blog dei titoli. Baci

Luna Lovegood
codice utente 20872

Commento#268
19/5/2012
hey! non è ancora mezzanotte! non c'è nessuno a passeggiare da queste parti? uffa! mi asciate sempre sola... come la luna che girovaga solitaria nel cielo notturno

Luna Lovegood
codice utente 20872

Commento#267
19/5/2012
scusate ho dimenticato l'ultimo punto interrogativo... ???

Luna Lovegood
codice utente 20872

Commento#266
19/5/2012
Buona sera blog! che succede di bello da queste parti? si sono calmate le acque dopo la tempesta post-risultati

editor 2.0
Novità pubblicate

partner 2014
ibs vanity fair msn ied wuz pubblicità progresso